Eco fashionista

Eco fashionista

Come riciclare le vecchie sneakers

riciclo scarpe

Le sneakers sono la mia passione, non posso negarlo, le indosserei da mattina a sera e (quasi) in ogni occasione. Di tela o in simil-pelle, bianche, nere o colorate, occupano una gran parte della mia scarpiera – e di conseguenza il tema del riciclo scarpe da ginnastica si prende il suo spazio nei miei pensieri. Ci sono le mie amate Ethletics di tela borchiate, che per me sono state il primo acquisto di moda etica al 100% ormai quasi una decina di anni fa; ci sono quelle di Bella Storia Vegan Shoes, piccolo marchio artigianale scoperto al MiVeg 2017; le Stan Smith by Stella McCartney uscite l’anno scorso… A ognuna di loro sono affezionata in modo particolare, ma si sa che anche le storie d’amore più belle possono finire, si cambia e a un certo punto arriva il momento di prendere strade diverse. Io continuo il mio percorso verso un guardaroba green e sostenibile, ma le mie vecchie sneakers dove possono andare?

Riciclo scarpe da ginnastica: il progetto Esosport

La buona notizia per il mio cuore affranto è che, anche con le suole consumate, le sneakers possono ancora rendersi utili grazie al progetto di riciclo scarpe sportive Esosport Run che le trasforma da oggetti non più utilizzabili a nuove risorse. Grazie a un accurato procedimento di separazione della tomaia dalla suola, infatti, si genera una materia prima secondaria che – attraverso l’Associazione GOGREEN Onlus – viene utilizzata per realizzare la pavimentazione di nuovi parchi giochi e piste di atletica.

Si innesca così un processo di economia circolare che fa bene all’anima oltre che all’ambiente, portando avanti la memoria di Elisabetta Salvioni Meletiou, che ha affiancato il marito Nicolas Meletiou nell’ideazione e conduzione del progetto esosport, e quella di Pietro Mennea. A lei sono dedicati I Giardini di Betty, mentre a Mennea sono intitolate Le Piste di Pietro. La moglie del campione olimpico e primatista mondiale, Manuela Olivieri, ha aderito all’iniziativa donando un paio di scarpe da corsa del marito, un gesto simbolico per testimoniare che ogni Pista di Pietro porterà con sé una parte del sogno del grande atleta: continuare a correre.

Riciclo scarpe da ginnastica: come fare

Partecipare al progetto per riciclare scarpe da ginnastica o da running ormai consumate è molto facile: basta andare sul sito di Esosport per trovare il punto di raccolta scarpe usate più vicino dove lasciarle negli appositi ESObox, contenitori in cartone riciclato dedicati all’iniziativa. Possono essere scuole, spazi ludici e ricreativi, impianti sportivi o negozi specializzati in articoli per running, fitness ecc. In più, durante tutto l’anno Esosport partecipa a una serie di eventi, maratone e manifestazioni allestendo punti di raccolta e momenti informativi per far conoscere il progetto.

Io ho trovato un negozio a Milano a cui affidare due paia di vecchie Ethletics (già puntualmente sostituite perché… non posso farne a meno!), e tu cosa aspetti?

Lascia un commento
*
*
*

Instagram